16 dicembre 1989

(compleanno di un amico, più giovane di me di un mese)

Er mejo amico mio fa cinquant’anni,
e se li porta bene, veramente,
è arivato fin qui senza malanni,
sano de corpo e svejo ne la mente.
Perché, quarziasi cosa si preffigge,
la fa, così,  d’emblé, come l’ha detta,
se tratti d’un giretto in bicicletta,
d’una sciata, o d’uno slam a brigge.
Si invece quarche acciacco ce l’hai già,
come quallera o rialzi de pressioni,
te prego : nun ce rompe li cojoni
e benvenuto ne la terza età!
Dunque, la terza età, si nun lo sai,
comincia quando che , quelle parole
de quando che t’incontri: ”comme stai?”
le scambi co’ quell’antre: “che te dole?”
Ma nun te dole gnente, veramente,
è che te viè ‘na specie d’imbarazzo
quando che ci hai rapporti co’ la gente,
pe’ cui devi pe’ forza rompe il cazzo…
Ma nun te preoccupà, staremo bene:
vivremo senza affanni,… senza…pene;
ci avremo i nipotini, la penzione,
i contribbuti e la televisione!
E quando er decremento demografico
farà sì che saremo maggioranza,
sai che succederà? L’omo politico,
pe’ poté continuà a riempì la panza,
s’affannerà pe’ dà ‘na vita aggiata
a questa terza età…rivalutata;
ci avremo così tanti privileggi:
sconti, viaggi, spettacoli e parcheggi.

Mio caro Gianluigi, sei pregato,
de perdonà st’amico scojonato;
se semo conosciuti che sarà
poco poco…quaranta chili fa.
Semo cresciuti insieme, regazzini,
n’avemo combinati, de casini!
Mo’ se trovamo, un po’ improvvisamente,
‘sti cinquant’anni, come fosse gnente.
Ma se guardiamo indietro, o mejo, intorno,
io penzo che possiamo esse contenti
de quer che abbiamo fatto, ciascun giorno,
quelli passati, e questi qui, presenti.
Pe’ quello che riguarda poi er futuro
ancora non c’è niente di sicuro
e ci poniamo un sacco di domande:
– Tu, per esempio, che farai da grande?

Ingegnere, scrittore…