1996, Nozze d’argento

19 aprile 1996 (rap)

in questa occasione il brindisi è di prammatica……. Ma più che per prammatica,
alzo questo bicchiere
di fronte a tanti amici,…………… (partenza della base ritmata)
per gioia e per piacere!
Non mi rimproverate per la mia monotonia,
ma pure questa volta vorrei dire la poesia!
E poi, mi sia concesso:
mi sento un po’ commosso, a festeggiare questo evento,
che mi pare impossibile: le mie nozze d’argento!
Pensate: questa festa, soltanto fino a ieri,
era prerogativa dei nostri genitori;
passano un pugno d’anni, velocemente e poi,
del tutto all’improvviso i genitori siamo noi!
Allora penso al tempo trascorso velocemente,
con questa, che all’inizio non mi era neanche parente;
dopo venticinqu’ anni, passati in compagnia,
adesso, in due parole, è solo lei: Susanna mia!
Se penso al mio passato mi si offusca un po’ la mente:
pare che nel frattempo non ci sia successo niente;
e se, per ricordare, mi guardo nello specchio,
ci vedo solo un giovane col viso un po’ da vecchio!
Allora, per avere un ricordo più sicuro,
mi guardo tante foto che ci ho su attaccate al muro;
le guardo divertito, e con un po’ di nostalgia
ma scopro sempre che non cambierei la vita mia!
Vedo gite a Bracciano,
la mano nella mano;
il nostro viaggio in Tunisia;
foto di Positano fatte usando l’autoscatto,
poi lo stesso ritratto
scattato l’anno dopo: ed il fotografo è Lucia!

Rivedo gite in barca, con la vela e col motore,
la casa delle Rocche, messa su con tanto amore.
Le gite ai Pian di Pezza
Con la spensieratezza di noi che saltiamo a corda,
e tutto mi ricorda che in questi venticinqu’anni,
grazie principalmente alle mie donne straordinarie,
mi sano capitate tante cose belle e varie,
e quasi mai ci ho avuto degli impicci e dei malanni.
Certo, mi pare logico, che non ho mai attaccato,
la foto di quel giorno che avevamo litigato,
come non ho attaccato, se me lo consentite,
la foto di me a letto con la broncopolmonite!
Ma se faccio il bilancio, dall’entrata e dall’uscita,
vi dico, son contento, fino a qui della mia vita.
Per quel che mi è toccato fino a stasera e poi,
perché stasera posso festeggiar con tutti voi!
E se, come mi auguro, Qualcuno ci sentisse,
vorrei potergli chiedere di farci fare il bisse!
Anzi glie lo chiediamo, insieme tutti in coro?
Di farci ritrovare, ancora tutti quanti,
qui per le nozze d’oro!
E poi per quelle di diamanti?
…Booooh?

Ingegnere, scrittore…